lunedì 13 febbraio 2012

Tribute to Igor Ballyhoo


Igor Ballyhoo ha lasciato SL sei mesi fa, mi dicono. Raccontano di lui che sia stato uno dei più significativi esponenti dell’arte in SL, ma questo lascia il tempo che trova perchè è un’affermazione tanto importante quanto vuota finchè non entro in contatto con il suo mondo di significati. Il Carp ha organizzato una mostra-tributo, una mostra fotografica delle sue realizzazioni, raccolte da Rebeca Bashley ed esibite all’Art Gallery Diabolus. L’occasione per conoscere, se non lui,  quello che ha lasciato. Molto di quello che ha realizzato (si parla di tremila opere in 4 anni) sembra perduto nelle vastità di SL, per cui la documentazione raccolta qui è preziosa. Le fotografie, e le poche sculture, sono raccolte in uno spazio aperto ma piccolo, su impalcature, quasi a significare la precarietà degli allestimenti, ombre residue di una presenza forte che ora è altrove.

Una mente versatile, la leggerezza di  chi non si prende troppo sul serio neanche quando il cuore stilla sangue, come fanno i suoi fiori. Opere poliedriche, pulsanti di vita, cultura, politica e ancora vita occhieggiano.

Angoscianti viaggi dentro ingranaggi neuronali ricordano la mistura di artificiale e di naturale che compone questa vita di avatar,  figure antropomorfe che custodiscono pezzi di meccano in cuori di metallo. Creature alate o in altro modo sospese in cieli ora tersi ora cupi, nè completamente uomini nè completamente bestie, nè completamente macchine. Eppure tutte e tre le cose, insieme in un destino che ha a che fare con la storia del cosmo.

Non ho avuto occasione di conoscerlo, peccato, probabilmente mi sono persa qualcosa. Prima dell’ennesimo crash mi porto dentro, come ultima immagine, le sue forbici: taglienti, appuntite, per pungersi e capire che sì... siamo ancora carne e sangue.

Qui il fantastico catagolo della mostra, edito da Velazquez Bonetto: http://issuu.com/diabolus/docs/ma_igor_ballyhoo
Mo Werefox

Nessun commento:

Posta un commento